C’è la ripresa: nei cassonetti dell’immondizia il cibo è migliorato !!!

Sono un milione e 470 mila, il 5,7% delle famiglie residenti, che nel 2014 sono risultate in condizione di povertà assoluta in Italia, per un totale di 4 milioni e 102 mila individui, un milione dei quali, bambini.

Nel dettaglio, tra le persone coinvolte, 1 milione 866 mila risiedono nel Mezzogiorno, 2 milioni e 44 mila sono donne (6,6%), 1 milione 45 mila sono minori (10%), 857 mila hanno un’età compresa tra 18 e 34 anni (8,1%) e 590 mila sono anziani (4,5%).

Rispetto ai due anni precedenti segnati da una costante crescita, nel 2014, l’incidenza di povertà assoluta è rimasta stabile.

E’ stabile al 19,1% anche l’intensità della povertà che, in termini percentuali, indica quanto la spesa mensile delle famiglie povere è mediamente al di sotto della linea di povertà, ovvero “quanto poveri sono i poveri”.  Segnali di miglioramento si osservano poi tra le famiglie con persona di riferimento di età  tra i 45 e i 54 anni (dal 7,4% al 6%), tra le coppie con due figli (dall’8,6% al 5,9%, che si lega a quello delle famiglie di 4 componenti, dall’8,6% al 6,7%) e tra le famiglie con a capo una persona in cerca di occupazione (dal 23,7% al 16,2%) che, rispetto al 2013, più spesso vivono in famiglie con al proprio interno occupati o ritirati dal lavoro.

 

fonte: http://siamolagente2.altervista.org/ce-la-ripresa-nei-cassonetti-dellimmondizia-il-cibo-e-migliorato/

Tratto da: http://zapping2015.altervista.org/ce-la-ripresa-nei-cassonetti-dellimmondizia-il-cibo-e-migliorato-sono-oltre-4-milioni-gli-italiani-in-poverta-assoluta-di-cui-oltre-1-milione-sono-bambini/

Precedente Dati Inps e il segreto di Pulcinella: il Jobs Act è una truffa sulla pelle dei lavoratori Successivo Fornero: “Il posto di lavoro non è un diritto” quindi anche pagare le tasse non e' piu' un dovere...