Fornero: “Il posto di lavoro non è un diritto” quindi anche pagare le tasse non e’ piu’ un dovere…

indexElsa Fornero, già Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, è intervenuta questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del Format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Elsa Maria Fornero ha commentato le parole del ministro Poletti in merito all’utilità del voto finale di laurea: “La laura con 110 e lode a 28 anni non serve, meglio un 97 a 21 anni? Noi abbiamo la tendenza a polemizzare troppo e le affermazioni tranchant corrono il rischio di alimentare polemiche di cui non c’è bisogno. Gli studenti, questo lo penso anche io, debbono di non preoccuparsi di prolungare oltremisura il proprio percorso universitario. Il mondo del lavoro è cambiato, forse oggi molte persone preferiscono avere un voto più basso ma entrare prima nel mondo del lavoro perché si rendono conto di quanto sia importante entrare nel mercato lavorativo. Come in ogni cosa, comunque, serve buon senso. Bisogna laurearsi abbastanza in fretta, bisogna anche che i professori che si rifiutano di seguire i ragazzi nelle tesi non siano solo stigmatizzati genericamente ma bisogna anche che nei loro confronti si prendano provvedimenti”.

Ancora in merito alle dichiarazioni del ministro Poletti, Elsa Fornero ha parlato dell’idea di superare l’ora lavorativa come strumento di contrattazione: “Da una parte l’affermazione è ovvia. Abbiamo tutti esempi di attività e di lavori dove non è l’ora di lavoro che conta. D’altra parte abbiamo anche la percezione che nel pubblico impiego le ore contino indipendentemente dal risultato che si lavora. Bisogna andare oltre ai luoghi comuni, accorgersi che il mercato del lavoro è cambiato e che l’ora non può essere più l’unico parametro di riferimento, anche se l’elemento orario in un contratto resta comunque un fattore determinante. E’ una questione di apertura mentale e di onestà intellettuale”.

Dura Elsa Maria Fornero nei confronti dei Sindacati: “I sindacati sembrano difendere gli indifendibili? Io ho sofferto molto il rapporto con il Sindacato, quando ero ministro non ho visto molta onestà intellettuale, molti attacchi mi sembravano davvero strumentali. E’ anche vero che molta acqua è passata sotto ai ponti e il sindacato oggi sembra molto più propenso a riflettere sui propri fallimenti”.

L’ex ministro del Lavoro, poi, ha commentato le dichiarazioni di Tito Boeri, numero 1 dell’Inps, in merito alle future pensioni dei giovani: “Qui, di nuovo, mi sembra che ci sia molto rischio nella piega che ha preso questa discussione. Rischio e anche un po’ di terrorismo psicologico e davvero non ce n’è bisogno. La vera discussione è sul lavoro. Non basta una legge per dare alle persone delle pensioni generose. Bisogna fare in modo che i giovani entrino presto nel mondo del lavoro con forme contrattuali il più dignitose possibile. Dobbiamo aiutare le persone a trovare lavoro e poi dire a chi non ce l’ha fatta che avrà comunque una pensione adeguata a carico della fiscalità generale. Sul tema pensioni c’è allarmismo ingiustificato. L’allarme deve essere sul lavoro non sulle pensioni che i lavoratori prenderanno tra quarant’anni. Fatico a immaginare un trentenne che pensa già alla pensione. La pensione non può essere la prima preoccupazione. La mia risposta a questo terrorismo psicologico è quella di ricordare che le pensioni non ci saranno soltanto se non ci sarà stato il lavoro”.

Un’ultima battuta proprio sul lavoro: “Il lavoro è un diritto, ma il posto di lavoro non lo è. Bisogna creare le condizioni affinché le persone possano avere un lavoro adeguato. In questo senso il lavoro è un diritto. Ma il posto di lavoro non lo è. Dobbiamo disegnare una società, un mercato del lavoro, dove sia facile per i giovani entrare, dove sia relativamente facile per chi ha perso un lavoro ritrovarlo e dove se una donna vuole lavorare non deve sentirsi dire che toglie il lavoro a un uomo”.

http://www.secolo-trentino.com/36652/economia/fornero-il-lavoro-non-e-un-diritto.html

One thought on “Fornero: “Il posto di lavoro non è un diritto” quindi anche pagare le tasse non e’ piu’ un dovere…

  1. luigi casinelli il said:

    Questa donna piangente che probabilmente ogni domenica va a battersi il petto nella chiesa più vicina alla sua abitazione, nella MENO PEGGIORE delle ipotesi misura ogni attività umana usando il criterio del COTTIMO MISTO, e parrebbe anche convinta e desiderosa di convincere ( in accoppiata con il “geniale” Poletti ) che non è necessario OGGI un lavoratore che sia qualificato al più alto grado di conoscenza, ciò che OGGI interessa al sistema capitalistico è che sappia compiere quelle poche mansioni necessarie alla produzione delle merci OGGI! Tale criterio, c’è da scommettere, non si applica a se stessa ai suoi figli e ai parenti perchè anche OGGI è indispensabile che una classse dirigente dotata delle più elevate conoscenze possa e debba operare! Aggiunge la contrita e sapiente signora che il lavoratore non deve necessariamente ambire al POSTO ma deve essere, nella ripugnante LOGICA DEL MERCATO DEL LAVORO, disponibile ad adattarsi a svolgere ciò che al momento SERVE al sistema produttivo!! Davvero geniale la Fornero, torna, o forse non se n’è mai allontanata, allo shema FALLIMENTARE REGANIANO DELLA DEREGULATION quando ad es. gli aerei comiciarono a cadere con i passeggeri plaudenti alla genialità di mister Ronald! Tuttavia si può dire che non sia proprio malvagia perchè ” Dobbiamo aiutare le persone a trovare lavoro e poi dire a chi non ce l’ha fatta che avrà comunque una pensione adeguata a carico della fiscalità generale”. Donna di gran cuore la Fornero, non la sfiora neppure l’idea che nella fiscalità generale rientra anche il pensionato al minimo, immaginarsi se può venirle in mente che
    George Soros ( tanto per citarne uno a caso ) con un patrimonio personale stimato in circa 24,9 miliardi di dollari potrebbe indurre a qualche riflessione sul sistema di una EQUA REDISTRIBUZIONE DEL REDDITO. Ma che dire!? Ha ragione lui ” …bellezza, questo è il mercato”! cji ha avut avut avut chi ha dat ha dat ha dat, scurdammc o passat…. .