32000 MEDICI CORROTTI DA CASE FARMACEUTICHE: IL NUOVO SCANDALO

Se il medico ti prescrive un farmaco molto probabilmente non è quello che ti farà guarire, ma quello su cui guadagnerà di più…
Case farmaceutiche: dal report Codacons hanno versato 59,1 ml a 3044 medici romani attraverso finanziamenti e sussidiLe principali 10 case farmaceutiche operanti in Italia hanno versato nelle tasche di 3044 medici di Roma 59.188.850 euro attraverso finanziamenti e sussidi di vario tipo. Lo denuncia il Codacons, che ha realizzato un apposito report sulla base dei dati ufficiali. I numeri che emergono dallo studio dell’associazione sono impressionanti: 32.623 tra medici, fondazioni e ospedali, hanno complessivamente percepito in Italia 163.664.432,70 euro nel periodo compreso tra il 2015 e il 2017. A titolo di accordi di sponsorizzazione, donazioni, viaggi, quote di iscrizione, corrispettivi e consulenze, ecc. Tra questi anche 3.044 medici operanti a Roma. Finanziamenti che ora finiscono all’attenzione dell’Autorità Anticorruzione, attraverso un esposto dell’associazione in cui si chiede di aprire una istruttoria sul caso e verificare la piena correttezza delle sovvenzioni, alla luce della possibile violazione dell’’art. 30 del Codice di Deontologia medica che impone al professionista di “evitare ogni condizione nella quale il giudizio professionale riguardante l’interesse primario, qual è la salute dei cittadini, possa essere indebitamente influenzato da un interesse secondario” nonché di “dichiarare in maniera esplicita il tipo di rapporto che potrebbe influenzare le sue scelte consentendo al destinatario di queste una valutazione critica consapevole.” Il medesimo articolo impone l’assoluto divieto per il medico di “Subordinare il proprio comportamento prescrittivo ad accordi economici o di altra natura, per trarne indebito profitto per sé e per altri.”

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM
A supportare le tesi dell’associazione, nell’esposto viene citato un recentissimo studio pubblicato in data 08.02.2019 sulla rivista americana “The Oncologist” che ha analizzato la relazione tra le somme ricevute dai medici da parte delle case farmaceutiche per consulti, viaggi o ad altro titolo, e le prescrizioni degli stessi medici relative ai farmaci prodotti dalle case farmaceutiche che avevano erogato tali somme. I risultati della ricerca hanno evidenziato l’aumento delle prescrizioni in favore di farmaci prodotti dalle aziende farmaceutiche che avevano erogato i finanziamenti in questione. In particolare – secondo la rivista “The Oncologist” – si è assistito ad un incremento di prescrizioni per il trattamento di quattro diverse tipologie di cancro (carcinoma prostatico, carcinoma renale, carcinoma polmonare e leucemia mieloide cronica). Sul sito dell’associazione è stato pubblicato l’elenco integrale suddiviso per comune di medici, fondazioni e ospedali di Roma e del Lazio che nel triennio hanno percepito soldi dall’industria del farmaco, affinché ogni cittadino della regione possa verificare in modo autonomo i rapporti tra il proprio medico e le aziende farmaceutiche. Il Codacons rinnova la richiesta agli Ordini dei medici provinciali di imporre a tutti i camici bianchi l’obbligo di indicare all’interno degli studi medici i rapporti intercorrenti con le aziende produttrici di farmaci, al fine di garantire massima trasparenza ai propri pazienti, e chiede alle Asl e alla Guardia di Finanza di verificare tutte le prescrizioni erogate dai medici inseriti nel report, accertando eventuali squilibri a favore delle aziende finanziatrici.

Fonte Codacons

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

Precedente La Curcuma rigenera le Cellule Cerebrali e protegge da Alzheimer, Ictus e Ischemie. Ecco come va consumata Successivo Cancro, ictus e infarto: i veri effetti dello zucchero svelati dopo 50 anni di menzogne

5 commenti su “32000 MEDICI CORROTTI DA CASE FARMACEUTICHE: IL NUOVO SCANDALO

  1. Non ne uscirà niente, ed anche se emergono colpe molto chiare non succederà niente. Questa è l’andazzo dell’italia. Che i rei si trovano dappertutto, e si trovano le pezze a coloro tra loro. Se invece sbaglia un ladro di galline. Finisce subito in galera. Siamo uno strano popolo. E le radici marci ormai stanno in tutti i piani alti del sistema. Con amore e con democrazia. peter pam.

  2. Gianni il said:

    Che un medico prescriva un farmaco o l’altro, che abbia la stessa valenza terapeutica,non e’ un problema che debba interessare i pazienti, in quanto, leve di marketing ne influenzano prescrizioni a favore di una industria farmaceutica o l’altra.
    Ben diverso se il medico prescrive una medicina che non risolva il problema per cui il paziente si affida allo stesso e addirittura, se a parità di auspicato effetto terapeutico, predilige il farmaco piu’ costoso.
    Da considerare che i farmaci piu’ costosi sono quelli per patologie oncologiche, la cui somministrazione , non sempre mutuabile,non tiene conto della capacita’ finanziaria del paziente.
    Fortunatamente, ritengo che in questo report di mal costume, siano la minoranza i medici che si comportano cosi’, perche’ ritengo , ( partendo dal presupposto che la maggior parte dei medici sia seria ed osservi il ” giuramento di Ippocrate” , a suo tempo
    sottoscritto, che pone l’interesse del paziente al primo posto nella scala di valori del medico) che non si debba criminalizzare la categoria, solo perche’ “alcuni ” hanno manifestato disonesta’, mettendo a volte a rischio la vita del paziente.

I commenti sono chiusi.