Il delirio del capo della Nestlé: “Gli esseri umani non hanno il diritto di accedere liberamente all’acqua”

Ebbene si l’acqua secondo il capo della Nestle non e’ piu’ un diritto dell’uomo, ma un bene da privatizzare e gestire da parte delle multinazionali

che a loro volta sono di proprietà dei grandi gruppi bancari mondiali.

Il grande capo della Nestlé dice che che “quello che ci fornisce la natura non è tutto buono” ed “è necessaria una regolamentazione”, altro modo di dire privatizzazione.

 

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

Insomma un vero e proprio delirio di onnipotenza. Pensate che tra qualche anno grazie a leggi ad hoc potreste essere multati per bere acqua da una fontana pubblica, che man mano spariranno. Dovremo tutti pagare a Nestlé una quota, per usufruire di tale “servizio”. A quando la privatizzazione dell’aria che respiriamo?

 

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

 

 

Precedente Pizze da asporto dentro il cartone? Ecco perche' sono pericolose per la salute Successivo In due secoli l’uomo ha distrutto un equilibrio climatico che esisteva da 50 milioni di anni